un piccolo grido!

Mentre stavo scrivendo questo post si è tolta la luce per meno di un secondo perdendo le parole che ero riuscito a scrivere, che sia un segno che io non debba scrivere o che non è possibile scrivere quello per cui mi ero inizialmente seduto?

Mi ero seduto, dopo averlo pensato tante volte, per scrivere qualcosa di me o per scrivere di me, visto che ho sempre il pensiero o l’impressione che alcune persone mi ritengono lo stesso di tanto tempo fa  o che forse in testa non mi passi niente o che forse non capisca le cose. E sono delle impressioni per cui uno ci sta anche male.

Ma ovviamente non è possibile sedersi davanti a un monitor e mettere in un post come sia fatta una persona o il modo di pensare che uno ha.

E quindi mi ritrovo qua, nella mia stanza, con il rumore del pc con la lampada accesa davanti a un monitor a cristalli liquidi, con il pensiero iniziale di voler scrivere un paragrafo intitolato flavio.

Ma non può andare cosi! non posso e non voglio mettere in comune me stesso, una persona, bella o brutta che sia forse ricca  per qualcuno o povera per altri, attraverso un qualcosa di morto! Non è possibile e se alla fine mi ritrovo a doverlo fare o pensare di doverlo fare, anche per un attimo così,  non ne vale la pena .

Il mio desiderio è di vivere là fuori assieme alle persone a cui voglio bene e che vogliono bene a me in una stima reciproca e senza pregiudizi, crescendo insieme, superando le difficoltà insieme, confidandoci, prendendo un gelato insieme, ridendo insieme, essere una parte di qualcosa di grande, SEMPRE.

Annunci

4 responses to “un piccolo grido!

  • Eugenio

    Ragazzi per commentare non c’è bisogno di mettere nome ed e-mail. Voi siete autori e questo significa che siete padroni di questo blog. Per commentare cliccate su “Log in” ;)

  • Serena

    Il mio desiderio è di vivere là fuori assieme alle persone a cui voglio bene e che vogliono bene a me in una stima reciproca e senza pregiudizi, crescendo insieme, superando le difficoltà insieme, confidandoci, prendendo un gelato insieme, ridendo insieme, essere una parte di qualcosa di grande, SEMPRE.

    Bellissime parole…e, per quanto ti riguarda, anche una bellissima realtà…perchè tu tutto questo sai farlo benissimo.
    è sempre un piacere starti vicino…sei una persona che sa regalare gioia a chi lo circonda.
    ti voglio bene

  • Giulio

    Caro Flavio, sono contento di leggere un tuo post, tra l’altro ben scritto e ricco di significato. Sono d’accordo con te, la vita vera e’ quella reale, quella che condividi con gli altri, dormendo in una tenda, facendo strada insieme, andando a fare la spesa, mangiando un gelato. Tutto questo non può essere sostituito dal mondo virtuale. Eppure capita di trovarsi lontani, magari per lunghi mesi e allora l’unico mezzo che hai per creare un contatto e’ la rete: il blog, Skype, facebook, ecc. Sono degli strumenti utili e veloci per tenere vicine le persone, non delle vite alternative. Io la vedo così e spero che presto anche tu riesca a capire la vera natura di ciò che non riesci a toccare. Considero questo tuo post un primo passo incoraggiante. Un abbraccio!

  • Eugenio

    Bella riflessione flaviozzo… :)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: